Ippocraterosa

Magazine di medicina, salute e benessere
Ippocraterosa
Ippocraterosa
Ippocraterosa
Vai ai contenuti

Menu principale:

DIABERTE E  VISTA
Una nuova terapia per le complicanze del diabete                          
Al congresso di Euretina presentato il farmaco per le complicanze del diabete sulla retina
C'è una novità importante per i numerosi malati di diabete che rischiano di perdere negli anni l'efficienza della vista. Al  XV Congresso Euretina, Nizza 17-20 settembre, sono stati presentati i risultati positivi di aflibercept su persone con problemi di edema maculare diabetico. "L'aspetto più importante da considerare è che per la prima volta non solo la malattia si arresta, ma si verifica un'inversione di tendenza", spiega Francesco Boscia, docente al dipartimento di oftalmologia dell'università di Sassari. "Il farmaco è in grado di far arretrare una malattia cronica della retina modificandone il decorso, e questo è un risultato davvero importante." Basti pensare che in Italia tre milioni di persone soffrono di diabete 2, di questi il 30 per cento è affetto da retinopatia e rischia di perdere l'acuità visiva, con gravi conseguenze su tutti gli aspetti della vita, dal lavoro alla relazione con gli altri, fino alle difficoltà nello svolgimento delle attività di tutti i giorni. "Ma è essenziale controllare la salute degli occhi prima che i problemi si presentino", spiega Tiziano Melchiorre, segretario generale dell'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità. Dal progetto "Barometer" sulla retinopatia diabetica, finanziato da Bayer Pharma, risulta che il 24 per cento delle persone che soffrono di diabete non si è sottoposto a un esame oculistico negli ultimi due anni. Controlli regolari e farmaci innovativi possono salvaguardare da complicanze gravi come glaucoma, cataratta, maculopatia.                                                                   
Francesca Gianquinto       
                                                                                                                                                         
Pubblicato il 24 settembre 2015
Torna ai contenuti | Torna al menu